Articoli

Comanda ristorante

Comanda ristorante: tutto quello che devi sapere

Comanda ristorante:  quello che devi assolutamente fare per prendere la comanda perfetta

La comanda è un foglio o un file sul quale si annotano piatti e bevande chieste dal cliente nel momento della prenotazione al ristorante o al bar. Se cercate consigli su come gestire un ristorante, dovete sapere che la comanda ristorante è alla base delle strategie per migliorare la redditività di un locale. Infatti, questo strumento permette di:

  • ricevere informazioni su quello che i clienti hanno ordinato;
  • comunicare con la cucina;
  • preparare il conto per il pagamento da parte dei clienti.

Le ordinazioni ristorante solitamente sono prese su carta auto ricalcante a due o tre tagli (numero di copie). L’originale, di solito viene tenuta dal cameriere, mentre le altre servono alla cucina o alla cassa per la preparazione del conto.

Comande ristorante: ne esistono di tre tipi

Il cameriere che annota la comanda ristorante può procedere in diversi modi:

  • comanda immediata: il cameriere annota le portate di volta in volta e trasmette alla cucina le richieste. Questa soluzione ha il difetto di rallentare il servizio, ma è anche sicura e riduce i margini di errore;
  • comande per portata: il cameriere prende le ordinazioni nell’ordine del paso. Antipasto, primo, secondo ecc…
  • comanda a termine: il cameriere prende tutte le ordinazioni in un unico ordine e lo trasmette alla cucina. Questa soluzione è veloce per il cameriere, ma può essere pericolosa per il flusso di lavoro.

Comande ristorante

Ordinazione ristorante: cosa deve necessariamente contenere

Tutte le comande ristorante devono necessariamente contenere:

  • Data e ora;
  • Numero del tavolo e numero dei clienti;
  • Nome del cameriere che ha preso la comanda;
  • Ordini e richieste particolari.

Queste sono le informazioni basilari. Sulla comanda ristorante devono inoltre essere annotate eventuali allergie o intolleranze della clientela, il numero della camera del cliente o il suo nome, nel caso sia un cliente particolare, conosciuto anche dalla cucina.

Scrivete in modo leggibile e usate abbreviazioni comprensibili anche dallo staff in cucina. Inoltre, dividete le portate in qualche modo, così da agevolare ancora una volta chi prepara le pietanze.

Comande ristoranti: fatene un punto di forza

La gestione delle comande è un aspetto cruciale.  A partire dal momento in cui il cameriere scrive, alla comunicazione in cucina, fino al conto in cassa, tutto va tenuto sotto controllo.

I tempi di gestione comande devono essere rapidi e il passaggio dell’informazione deve essere chiaro e di facile interpretazione.

La miglior gestione comande ristorante prevede l’utilizzo di un software per ristoranti, che riduce i margini di errore, preservando le informazioni dal pericolo di andare perse. I software per ristoranti di Mytec garantiscono comande chiare e facilmente leggibili da tutti.

In questo modo è possibile anche calcolare in anticipo i tempi della cucina e dare al cliente indicazione sui tempi di attesa al ristorante. L’esempio lampante è quello dei nostri software per Burger King. Il sistema SICOM misura il tempo medio di preparazione delle pietanze.

La comanda facile, inoltre, è quella rapida da interpretare. Le comande prese dai nostri gestionali hanno un layout standard, intuitivo e facile da interpretare. Se sei interessato ad ottimizzare la tua comanda ristorante contatta il team Mytec, sapremo fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Google tempi di attesa al ristorante

Strumenti Google per gestire un ristorante

Gestire un ristorante facendo i conti con Google

Sia in veste di utenti che per migliorare la gestione del nostro ristorante facciamo molte ricerche su Google e, che ci piaccia o no, dobbiamo imparare ad utilizzare anche internet per far crescere e gestire un locale. Vi proponiamo quali sono le idee di google per migliorare l’efficienza di pizzerie e ristoranti oltre che l’esperienza dei clienti; finiremo anche per raccontarvi la storia un ristorante londinese, primo su Trip Advisor, che nella realtà non esiste.

Pizza google: il sistema che conosce la nostra pizza preferita

Utilizziamo Google per reperire informazioni su qualsiasi cosa; dunque, il motore di ricerca più utilizzato al mondo, ha un sacco di informazioni su di noi. Grazie alle nostre ricerche saprebbe persino dirci quale pizza preferiamo. La pizzeria d’asporto del futuro è davvero così lontana? Pizzeria Google sa già come mi chiamo, quali sono le mie preferenze riguardo ai gusti pizza e anche quale impasto preferisco per mangiare la pizza. Lo sa perché nell’ambito delle mie ricerche gli comunico intolleranze alimentari, curiosità sugli ingredienti e attenzione ai prezzi pizza. In questo video vi mostriamo come google sa tutto di noi.

Google e i tempi d’attesa al ristorante

Google ci permette anche di controllare l’affluenza del ristorante e sapere il tempo medio di attesa al ristorante. Con la funzione skip the line, effettuando la ricerca di un ristorante, nella colonna accanto ai risultati di ricerca abbiamo in tempo reale i dati sull’affluenza del locale.

Google tempi di attesa al ristorante

Google My Business: permanenza media e tempi di attesa al ristorante

I dati sul tempo di attesa al ristorante vengono mostrati all’interno della scheda Google My Business sotto il controllo “Orari con il maggior numero di visite”. Questi dati sono calcolati in base alle ricerche effettuate dagli utenti nel tempo e vengono aggiornati in tempo reale.

TripAdvisor e il ristorante che non esiste

Un altro strumento che noi del settore della ristorazione percepiamo con amore e odio è TripAdvisor. Oobat Butler, un giovane londinese con la passione della tecnologia, ha reso primo su TripAdvisor un ristorante che non esiste. Per farlo realizza un logo e un sito internet, apre una scheda su Trip Advisor e ottiene la conferma di controllo da parte del portale. Il ragazzo e i suoi amici cominciano a scrivere recensioni finte su TripAdvisor e comincia a scalare la classifica dei migliori ristoranti a Londra. Arrivano decine di prenotazioni e alla fine di agosto 2017 The Shed at Dulwich diventa il primo ristorante a Londra. Per smascherare la sorpresa il giovane si inventa una serata in cui si improvvisa davvero un ristorante facendo ovviamente una pessima figura. Solo da quel momento The Shed at Dulwich perde posizioni su TripAdvisor e viene etichettato dai clienti come il ristorante che non esiste.

Cosa serve per aprire un ristorante

Come aprire un ristorante

Per aprire un ristorante è necessario possedere specifici requisiti morali e professionali. I requisiti morali riguardano l’aspetto dell’onorabilità, quelli professionali il possesso di esperienza o formazione.