Articoli

Fattura elettronica ristorante

Fattura elettronica ristorante

Fattura elettronica ristorante

A partire dal 1 gennaio 2019 per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati nel territorio dello stato e per le relative variazioni, saranno emesse esclusivamente fatture elettroniche. La fattura elettronica diventerà quindi l’unico modo per emettere documenti fiscali.

Anche i ristoranti saranno obbligati ad emettere fatture elettroniche. Mytec si sta attrezzando e a breve tutti i nostri clienti verranno informati direttamente dall’azienda relativamente alle modalità di emissione delle fatture elettroniche ristorante attraverso i prodotti Mytec.

Fattura elettronica: cos’è

Facciamo un passo indietro. La fattura elettronica è un processo digitale di emissione, trasmissione e archiviazione delle fatture. A partire dal 31 marzo 2015, tutte le fatture emesse nei confronti della Pubblica Amministrazione devono essere in formato elettronico.

Attenzione. La fattura elettronica non è un semplice file allegato ad una email. Le fatture elettroniche sono infatti generate in formato XML, firmate digitalmente e trasmesse all’Amministrazione Finanziaria attraverso un sistema di interscambio (SDI). La firma elettronica ne garantisce l’autenticità dell’origine e l’integrità dei contenuti.

La conservazione digitale a norma, infine, è l’ultimo aspetto del processo. Attraverso l’apposizione di una ulteriore firma digitale e una marca temporale sull’archivio elettronico, le fatture vengono custodite per il periodo previsto dalla normativa (10 anni) in formato digitale.

Ristoranti e fattura elettronica

Ogni ristorante si trova oggi davanti al problema della fatturazione elettronica 2019 ristoranti. Infatti, l’emissione fattura elettronica dovrà necessariamente prevedere la comunicazione con il sistema di interscambio dell’Agenzia delle Entrate. Il procedimento prevede:

  • Compilazione della fattura elettronica;
  • Firma digitale;
  • Invio al SDI (sistema di interscambio);
  • Recapito del documento al soggetto destinatario;
  • Conservazione del documento per 10 anni.

Fattura ristorante: come funzionerà la fatturazione elettronica

La fatturazione elettronica ristorante dovrà prevedere un sistema di compilazione e trasmissione del documento, sia ai consumatori che alle imprese.

Sebbene ci siano ancora dubbi sul meccanismo di identificazione dei consumatori privati, è chiaro invece il meccanismo di invio della fattura elettronica alle imprese.

Per i destinatari B2B, infatti, ci sono due strade di invio. Pec o Codice destinatario del Sistema di Interscambio.

Ogni ristorante, dunque, dovrà provvedere a generare le fatture in formato XML, firmarle e trasmetterle ai clienti con le modalità di cui sopra, oltre che, naturalmente, all’Agenzia delle Entrate.

Obbligo fattura elettronica ristoranti

Dal punto di vista operativo, dopo un breve periodo di assestamento, si dovrebbe registrare un progressivo miglioramento della gestione della fatturazione.

Il sistema di interscambio, infatti, si comporterà come una sorta di postino. La fattura verrà inviata al cliente e all’Agenzia delle Entrate, ma anche al Commercialista. Basterà importare il file all’interno dei vari applicativi di contabilità quindi per provvedere alla registrazione del documento.

Conservazione sostitutiva fatture elettroniche

Verificati i requisiti tecnici, infine, la fattura elettronica potrà essere conservata in formato digitale. Questa operazione prevederà l’apposizione di un ulteriore firma digitale, così da garantirne l’autenticità e la conformità alle norme di legge.

La conservazione sostitutiva è una procedura informatica in grado di conferire valore legale nel tempo al documento eletronico.

I gestionali Mytec saranno a breve pronti alla rivolluzione digitale della fattura elettronica. Contattaci per ulteriori informazioni sui nostri prodotti.

E tu, come gestisci il tuo ristorante? Prevedi sistemi di controllo dei costi o di fatturazione elettronica?

Google tempi di attesa al ristorante

Strumenti Google per gestire un ristorante

Gestire un ristorante facendo i conti con Google

Sia in veste di utenti che per migliorare la gestione del nostro ristorante facciamo molte ricerche su Google e, che ci piaccia o no, dobbiamo imparare ad utilizzare anche internet per far crescere e gestire un locale. Vi proponiamo quali sono le idee di google per migliorare l’efficienza di pizzerie e ristoranti oltre che l’esperienza dei clienti; finiremo anche per raccontarvi la storia un ristorante londinese, primo su Trip Advisor, che nella realtà non esiste.

Pizza google: il sistema che conosce la nostra pizza preferita

Utilizziamo Google per reperire informazioni su qualsiasi cosa; dunque, il motore di ricerca più utilizzato al mondo, ha un sacco di informazioni su di noi. Grazie alle nostre ricerche saprebbe persino dirci quale pizza preferiamo. La pizzeria d’asporto del futuro è davvero così lontana? Pizzeria Google sa già come mi chiamo, quali sono le mie preferenze riguardo ai gusti pizza e anche quale impasto preferisco per mangiare la pizza. Lo sa perché nell’ambito delle mie ricerche gli comunico intolleranze alimentari, curiosità sugli ingredienti e attenzione ai prezzi pizza. In questo video vi mostriamo come google sa tutto di noi.

Google e i tempi d’attesa al ristorante

Google ci permette anche di controllare l’affluenza del ristorante e sapere il tempo medio di attesa al ristorante. Con la funzione skip the line, effettuando la ricerca di un ristorante, nella colonna accanto ai risultati di ricerca abbiamo in tempo reale i dati sull’affluenza del locale.

Google tempi di attesa al ristorante

Google My Business: permanenza media e tempi di attesa al ristorante

I dati sul tempo di attesa al ristorante vengono mostrati all’interno della scheda Google My Business sotto il controllo “Orari con il maggior numero di visite”. Questi dati sono calcolati in base alle ricerche effettuate dagli utenti nel tempo e vengono aggiornati in tempo reale.

TripAdvisor e il ristorante che non esiste

Un altro strumento che noi del settore della ristorazione percepiamo con amore e odio è TripAdvisor. Oobat Butler, un giovane londinese con la passione della tecnologia, ha reso primo su TripAdvisor un ristorante che non esiste. Per farlo realizza un logo e un sito internet, apre una scheda su Trip Advisor e ottiene la conferma di controllo da parte del portale. Il ragazzo e i suoi amici cominciano a scrivere recensioni finte su TripAdvisor e comincia a scalare la classifica dei migliori ristoranti a Londra. Arrivano decine di prenotazioni e alla fine di agosto 2017 The Shed at Dulwich diventa il primo ristorante a Londra. Per smascherare la sorpresa il giovane si inventa una serata in cui si improvvisa davvero un ristorante facendo ovviamente una pessima figura. Solo da quel momento The Shed at Dulwich perde posizioni su TripAdvisor e viene etichettato dai clienti come il ristorante che non esiste.

Cosa serve per aprire un ristorante

Come aprire un ristorante

Per aprire un ristorante è necessario possedere specifici requisiti morali e professionali. I requisiti morali riguardano l’aspetto dell’onorabilità, quelli professionali il possesso di esperienza o formazione.